Mondo Agnelli

Mondo Agnelli Author Jennifer Clark
ISBN-10 9781118236116
Year 2011-11-21
Pages 336
Language en
Publisher John Wiley & Sons
DOWNLOAD NOW READ ONLINE

The fascinating story of a century-old automobile dynasty Fiat is one of the world's largest automakers, but when it made headlines by grabbing control of a bankrupt Chrysler in 2009 it was unknown in the U.S. Fiat’s against-all-odds swoop on Chrysler---masterminded by Sergio Marchionne, the Houdini-like manager who saved Fiat from its own near-collapse in 2005 – has made the automaker one of the most unlikely winners of the financial crisis. Mondo Agnelli is a new book that looks at the chain of unpredictable events triggered by the death of Gianni Agnelli in 2003. Gianni, the charismatic, silver-haired power broker and style icon, was the patriarch who had lead the company founded by his grandfather in 1899. But Gianni's own son had committed suicide. Without a mature heir, the dynasty and Fiat were rudderless. Backed by Gianni's closest advisors, his serious, shy, and determined grandson John plucked Marchionne from obscurity. Together, they saved the family company and, inadvertently, positioned Fiat as a global trailblazer when the global storm hit. A classic story of ingenuity and hard work, the book portrays a business dynasty that triumphed over adversity and family tragedy because of its own smarts, sweat, and ability to bend the rules A an engaging tale for those interested in the stories behind the economic crash, the book contains never-before reported material about how Fiat succeeded in making Chrysler profitable where both Daimler AG and Cerberus, its previous owners, had failed. A story for a wide audience, from car buffs, business readers, lovers of Italy, and anyone fascinated by the lifestyle of Europe's most glamorous industrial dynasty, this book tells the tale of how Fiat achieved the seemingly impossible -- turning around an American automotive icon everyone else had given up for dead.

Il mondo largo

Il mondo largo Author Giovanni Agnelli
ISBN-10 8849806531
Year 2003
Pages 106
Language it
Publisher Rubbettino Editore
DOWNLOAD NOW READ ONLINE

Contains papers presented to various conferences organized by the Senato della Repubblica.

Lupi e agnelli

Lupi e agnelli Author Francesco Da Villacidro
ISBN-10 9788891166869
Year 2014-12-10
Pages 266
Language it
Publisher Youcanprint
DOWNLOAD NOW READ ONLINE

La storia di questo romanzo narra le vicissitudini, appunto di "Un figlio di Leni". Un pastorello che trascorse la sua adolescenza e parte della gioventù appresso al gregge di pecore. Diventato ragazzo capì che doveva cercare fortuna fuori dal suo paese, per sbarcare il lunario. Partì in continente, dove si sentiva straniero, pur essendo in Italia. Convinto di trovare un po di fortuna, trovò invece, scorni e dissapori fra gli astii della gente che non era la sua gente di Leni. Tornato al suo mondo, si accorse che la vera fortuna si trova sempre tra propria gente e con una famiglia tutta sua.

Foggia e la Puglia

Foggia e la Puglia Author Antonio Giangrande
ISBN-10
Year 1950
Pages
Language it
Publisher Antonio Giangrande
DOWNLOAD NOW READ ONLINE

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verità soggettive e tante omertà son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando l’immagine che dimostra la verità oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!

Salerno e la Campania

Salerno e la Campania Author Antonio Giangrande
ISBN-10
Year 2013-07-13
Pages 524
Language it
Publisher Antonio Giangrande
DOWNLOAD NOW READ ONLINE

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verità soggettive e tante omertà son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando l’immagine che dimostra la verità oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!

Trento e Bolzano Trentino Alto Adige

Trento e Bolzano  Trentino Alto Adige Author Antonio Giangrande
ISBN-10
Year
Pages
Language it
Publisher Antonio Giangrande
DOWNLOAD NOW READ ONLINE

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verità soggettive e tante omertà son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando l’immagine che dimostra la verità oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!

Parma

Parma Author Antonio Giangrande
ISBN-10
Year
Pages
Language it
Publisher Antonio Giangrande
DOWNLOAD NOW READ ONLINE

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verità soggettive e tante omertà son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando l’immagine che dimostra la verità oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!